Oroscopo Business 2010

 

A costo di sbagliare e rovinarmi la reputazione (cit.) quest’anno offro agli affezionati lettori l’Oroscopo Business.

Contrariamente al tradizionale oroscopo basato sull’interpretazione della posizione delle stelle in base al Sole di nascita, l’Oroscopo Business si basa sulla vostra professione e garantisce quindi una notevole accuratezza. Per interpretare correttamente le previsioni sottostanti consiglio di leggere, oltre al proprio segno, anche quello dell’ascendente (il vostro capo/supervisore).

Di seguito per ogni segno le previsioni per l’anno 2010 (DuemilaDieci).

Project Manager

Sul finire del 2009 non avete spostato le milestones del progetto perché quando lo fate MS Project vi sposta automaticamente tutte le attività dipendenti e poi non sapete come rimetterle a posto. Quindi mentre il team da per certo di non consegnare il lavoro in tempo, il management non ha idea della tempesta in arrivo. Lo wishful thinking vi terrà compagnia per i primi mesi del 2010 e alla scadenza del progetto vi auto-convincerete che non è colpa vostra, dopotutto sono quei pelandroni del team tecnico a non aver mantenuto le stime. Proprio mentre siete sulla graticola l’azienda avvierà una riorganizzazione: trascorrerete il resto dell’anno passando da un meeting all’altro.

La Luna consiglia: siate guardinghi.

 

Web Designer/Web Developer

Il transito ostile del Project Manager nella quinta casa (il vostro ufficio) interesserà maggiormente i nati di questo segno. A causa di ciò il 2010 sembrerà composto da 12 mesi di Novembre. Ah, e dovrete imparare a realizzare siti ottimizzati per dispositivi mobili: a Natale 2009 hanno regalato l’iPhone al vostro capo.

La Luna consiglia: mettetevi in proprio.

 

IT Manager

Nel 2010 avrete finalmente la conferma che quanto andavate ripetendo durante tutto il 2009 corrisponde a verità: Facebook è il male. Politici, opinionisti e giornalisti in generale confermano. Il management dell’azienda vi darà mandato di impostare limiti ancora più restrittivi alla navigazione Internet degli impiegati. Questi troveranno meccanismi ancora più sofisticati per aggirare le vostre protezioni, in un gioco a guardie e ladri che impedirà a tutti di concentrarsi sul lavoro.

Nei primi mesi del 2010 sulla vostra rete avverrà una perdita di dati: la buona notizia è che avrete un backup molto recente, la cattiva è che si tratta di stampe su carta.

La Luna consiglia: qualsiasi cosa succeda, dite che si tratta di un problema di security.

 

Stagista

Il 2009 è stato pianto e stridore di denti. 

Ma non temete, nel 2010 troverete la svolta professionale che stavate cercando: lavorerete con sudore e partorirete con dolore.

La Luna consiglia: non pervenuto. 

 

Amministratore Delegato di Piccola Impresa

Il 2010 sarà un anno di conflitti con i vostri dipendenti. Se delegherete vi rinfacceranno di non aver ricevuto indicazioni chiare, se li seguirete vi accuseranno di praticare il micro-management. Proverete l’impulso di chiudere la baracca e mandare a casa tutti. Ma terrete duro e nella seconda parte dell’anno arriveranno delle belle soddisfazioni. A quel punto i vostri dipendenti si lamenteranno dicendo che il merito ve lo prendete sempre voi.

La Luna consiglia: aprite un blog.

 

Impiegato

Per il 2010 l’azienda introdurrà un sistema di incentivazione legato agli obiettivi. In pratica se farete bene il vostro lavoro in cambio vi daranno dei soldi. Ma non c’era già lo stipendio, per quello?

Vorreste cambiare lavoro ma non lo farete perché di questi tempi eccetera.

La Luna consiglia: aggiornate il profilo Linkedin.

 

Commercialista

Il 2010 porterà una importante novità per la vostra professione: la normativa fiscale si farà così complessa che dovrete ricorrere all’aiuto di sensitivi e cartomanti per l’interpretazione. 

La Luna consiglia: volendo stare sul sicuro per i vostri clienti non porterete a detrazione alcun costo ed anzi utilizzerete lo strumento del Ravvedimento Operoso per farli versare in eccesso anche sulle imposte degli anni precedenti. 

 

Responsabile Marketing

Alla fine il momento è arrivato: dovrete interagire con i vostri clienti, un supplizio fino ad oggi riservato al girone dei call-centeristi assistenza post-vendita. Il vostro sito Internet, così bello, è ignorato mentre Facebook è invaso dal feedback negativo sui prodotti. Leggete con orrore di aziende che rischiano la chiusura per non aver risposto nel giro di qualche ora a rumors scatenati in rete. 

Passerete i primi mesi del 2010 nervosi come un adolescente svizzero con la fidanzatina in ritardo di 3 giorni.

Ad Aprile assumerete un Social Media Guru che porterà fake fans come se piovesse, rendendo la vostra Facebook page un’oasi di pace. Rimosso il sintomo potrete godervi il resto dell’anno in tranquillità.

La Luna consiglia: rimuovere dal database i nominativi delle persone che hanno richiesto di non ricevere più la vostra newsletter promozionale potrebbe essere una buona idea. Ma rifletteteci ancora un attimo, mica di prendere decisioni avventate e poi pentirsi.

 

Notaio

Per i nati della vostra professione il 2010 sarà uguale al 2009. 

E anche al 2011, se è per quello. 

La Luna consiglia: bene così.

 

Correggere l’Internet

E’ un giochino stupido che faccio da anni ma che continua a procurarmi quarti d’ora di patetica ilarità. Ieri l’ho rivisto su FriendFeed e pensato di pubblicarlo anche qui, a beneficio di chi ama questo genere di facezie.

1. Prendete il vostro browser preferito (non IE)

2. Trascinate questo link sulla vostra barra dei segnalibri (è un bookmarklet)

[Correggi questa pagina]

3. Premendo il link la pagina diventerà editabile, e potrete rapidamente modificarne il testo cliccando e scrivendo direttamente nella posizione desiderata. Premendo di nuovo la pagina torna non modificabile.

Esempio: prima

e dopo

Lo so che i siti web sono tantissimi, ma se ognuno di noi si impegnerà veramente sono sicuro che riusciremo a correggere l’Internet.

Business is Personal

Si respira un’aria di grande apertura da parte delle aziende che ora non solo dialogano con me cliente/utente/consumatore, ma mi sottoscrivono su Twitter, richiedono la mia amicizia su Facebook e mi rispondono dandomi del tu su FriendFeed.

Tutto bene, pensavo.

Finché stamattina ho chiamato il call center e la centralinista prima mi ha detto che erano sei mesi che non mi facevo sentire, poi mi ha accusato di chiamarla solo quando ho bisogno e poi si é messa a piangere.

E non potevo nemmeno dirle che avevo perso il suo numero.

 

Il preventivo

Mia moglie ha portato la macchina dal meccanico, la nostra Punto del ’98.

A cena si svolge la seguente conversazione.

Lei: “Ha chiamato il meccanico, domani vado a ritirare la macchina. Sai se prende la carta di credito?”

Io: “Non so, boh. Quanto devi pagare?”

Lei: “Non lo so, non ho chiesto.”

Io: “Non ti sei fatta fare il preventivo, PRIMA???”

Lei: “No…”

Il giorno dopo, dal meccanico.

 

Io: “…”

Meccanico: (alza le sopracciglia con fare innocente) “Abbiamo dovuto cambiare qualche pezzo.”

10 indizi che la compagnia aerea con la quale voli è in crisi

  1. Ti imbarchi, dimostrazione delle procedure, allacciate le cinture. Lo steward dice: ci manca il pilota. Tutti giù dall’aereo (questa mi è successa davvero).
  2. Dall’interfono si sente “Signori e signore buongiorno, è il comandante che vi parla – cavoli, ho sempre sognato di dirlo!
  3. Non è consentito imbarcare bagaglio a mano ed è obbligatorio presentarsi a digiuno.
  4. Quando ti alzi nonostante il segnale delle cinture allacciate sia ancora acceso, una assistente di volo si avvicina rimboccandosi le maniche ed esclamando: “Eh no, bello! Hai fatto i conti senza l’hostess”.
  5. Per andare in bagno si paga. Un tanto al chilo.
  6. La dimostrazione delle dotazioni di sicurezza include delle preghiere.
  7. In volo, guardando fuori dal finestrino ti accorgi che le immagini sono a bassa risoluzione.
  8. Quelli che con le palette fanno i segnali all’aereo sono tutti in sciopero, protestano perchè attualmente la loro qualifica ufficiale è “quelli che con le palette fanno i segnali all’aereo”.
  9. Le cappelliere sono state riconvertite a posto passeggero.
  10. All’imbarco sali sul bus navetta, questo parte e prosegue fino all’aereoporto di destinazione.

Innovazioni pericolose

La decisione di mettere un cartello con la mission nei bagni, che a suo tempo aveva suscitato discussioni nella business-blogosfera, inizia a sortire i suoi effetti.

Lo stagista, di ritorno dal Cliente, ci ha chiesto come interpretare la mission di quest’ultimo: "se non riesci a fare centro almeno falla dentro".

Speriamo non si fermi in Autogrill, lo stagista.