Malattia

PI: “Allora dottore, è grave?”
D: “No, non si preoccupi. E’ solo un po’ di plusvalore.”
PI: “E come è successo?”
D: ” Probabilmente ha calcolato il valore della forza-lavoro non in
base al suo rendimento,
ma al costo necessario per produrla, ovvero per garantirne la
disponibilità assicurando i mezzi per la sopravvivenza
dell’operaio, la sua riproduzione e l’apprendimento delle abilità
necessarie al suo lavoro. Oppure ha differenziato troppo la sua offerta
creando un’asimmetria informativa fra lei e il consumatore.
In ogni caso si è creato un plusvalore.”
PI: “E quindi? Cosa devo fare?”
D: “Le prescrivo un mercato in concorrenza perfetta, vedrà che le passa subito.”

Facsimile, mon amour / 2

Il piccoloimprenditore manda una fattura al Cliente, in allegato ad una e-mail. Segue telefonata.

– Cliente: “Ho ricevuto il messaggio. Ma è questo l’originale?”
– PI: “Si, basta stamparlo.”
– Cliente: “Eh ma se lo stampo è una copia. Io ho bisogno dell’originale.
– PI: “…”
– Cliente: “…”
– PI: “Va bene un fax?”
– Cliente: “Si.”

Facsimile, mon amour

Il piccoloimprenditore fa un bonifico con Internet.

– Banca: “Vedo che hai fatto un bonifico via Internet.”
– PI: “Si, due giorni fa.”
– Banca: “Mi fai un fax?”
– PI: “Perchè?”
– Banca: “Per sicurezza.”
– PI: “Siamo al telefono, ti assicuro che sono io ad aver fatto il bonifico.”
– Banca: “Si, però mi devi fare un fax.”
– PI: “Perchè?”
– Banca: “Perchè sul fax c’è la firma.”
– PI: “E su Internet Banking c’è la password per l’autorizzazione.”
– Banca: “Si, però mi devi anche un fax.”
– PI: “Perchè?”
– Banca: “E’ la procedura.”
– PI: “Con le altre banche non succedeva.”
– Banca: “Noi vogliamo un doppio riscontro. Sicurezza.”
– PI: “E-mail?”
– Banca: “Internet, acher, truffe.”
– PI: “Fax, falsificazioni, recenti scandali finanziari.”
– Banca: “Firma, garanzia, legale.”
– PI: “Tecnologia,  efficienza.”
– Banca: “Sicurezza, solidità, sani principi di una volta.”
– PI: “Obsolescenza, alti costi, perdita di competitività.”
– Banca: “Soldi ne abbiamo, tempo pure.”

 

Cinofilia

Al piccoloimprenditore entrare in banca fa sempre un po’ l’effetto di un viaggio un un’altra dimensione.

Parlare di fido, poi, c’è il rischio che si esca col cane del direttore
da portare a spasso. C’è anche un tasso. E un tizio che si chiama
Massimo Scoperto, dal quale guardarsi perchè si ciba del tuo denaro.

Difficile dire come possa sopravvivere la piccolaimpresa. Forse vendendo i diritti per un reality show, il Grande Piccoloimprenditore. No, che poi magari viene in mente a qualcuno…

soldi.jpg
Piccoloimprenditore e Massimo Scoperto