Il preventivo

Mia moglie ha portato la macchina dal meccanico, la nostra Punto del ’98.

A cena si svolge la seguente conversazione.

Lei: “Ha chiamato il meccanico, domani vado a ritirare la macchina. Sai se prende la carta di credito?”

Io: “Non so, boh. Quanto devi pagare?”

Lei: “Non lo so, non ho chiesto.”

Io: “Non ti sei fatta fare il preventivo, PRIMA???”

Lei: “No…”

Il giorno dopo, dal meccanico.

 

Io: “…”

Meccanico: (alza le sopracciglia con fare innocente) “Abbiamo dovuto cambiare qualche pezzo.”

5 pensieri su “Il preventivo”

  1. Tranquillo.. anche se ti fai fare il preventivo i meccanici si son fatti furbi..Quando hanno la tua macchina li da loro bella e smontata ti chiamano e…. "ci sarebbe da cambiare qualche pezzo".. .e zaaak!!Ti ritrovi con lo stesso conto.Per star più tranquilli bisognerebbe abolire l’idea di preventivo! 😀

  2. ricordo che nel periodo delle primavere e degli autunni la mia vettura nuova si guastò, non partiva.chiamai il discepolo Wu al numero verde foglia di loto che gentilmente inviò un carro che portò la vettura presso la più vicina concessionaria per la riparazioneera ormai l’ora della meditazione della sera quindi molti manovratori di viti e bulloni erano già tornati verso le loro dimore. ora accadde che un forte vento che spirava dalle alture del regno di Wei portò una tormenta con chicchi di grandine grossi come uova d’anatra.s’affrettarono dunque a riparare tutte le vetture della concessionaria lasciando la mia che non era appunto della concessionaria alla tribolazione degli elementi.il giorno dopo mi il discepolo Li mi chiamò dicendo che la vettura era stata riparata tuttavia c’era un piccolo problema che mi avrebbe illustrato all’atto del ritiro.la mia vettura ora funzionava, ma aveva il cristallo sfondato e la carrozzeria con i segni del vaiolo.il discepolo Li era affranto e mi chiese di far intervenire la mia assicurazione poiché la loro copriva solo parzialmente il danno così accettai poiché nessun nocumento appesantiva il mio alleviare la pena del povero discepolo Li.mi diedero una vettura sostitutiva e portarono la mia vettura presso la loro carrozzeria mentre io disbrigavo le pratiche per l’assicurazione perché il povero disceplo Li non reggeva l’ulteriore peso della penna.quando la vettura fu pronta il discepolo Li si mostrò contrariato perché la mia assicurazione non aveva voluto risarcire l’intero importo dei lavori. chiamai quindi il discepolo Lang dell’assicurazione che mi rispose gentilmente, ma adirato con il discepolo Li il quale pretendeva di far pagare all’assicurazione una riparazione molto più cara delle tariffe concordate in convenzione con la casa costruttrice del veicolo e quasi doppie rispetto al prezzo di listino dei ricambi.Convinsi dunque il discepolo Wang che mi aveva venduto la vettura a suggerire al discepolo Li di rendermi subito disponibile la mia vettura senza ulteriori ritardi poiché avevano già ricevuto un indennizzo dalla mia assicurazione per un danno recato dalla stolta sua condotta negligente.per ringraziamento ricevetti dal signore di Wei, proprietario della concessionaria e della carrozzeria, una lettera raccomandata nella quale si minacciava l’azione legale se non avessi saldato la differenza tra l’indennizzo dell’assicurazione e la loro fattura per la riparazione.

  3. Sento che questo commento gronda saggezza, ma lo devo rileggere perché non ho mica capito bene chi paga alla fine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *