La linea Internet, 2

Ieri nell’ufficio del piccoloimprenditore è venuto un tecnico Telecom per portare la linea ADSL. Noi la linea ADSL la stavamo aspettando da due mesi, per cui si era eccitati come la vigilia di Natale. Questo signore prende un cavo dal muro, ci attacca una presa tripolare e poi dice “bene, io ho finito”.
E l’ADSL? “Per quella ci vuole l’attivazione, bisogna aspettare”.

Il personale dell’ufficio si è coordinato spontaneamente operando un sequestro di persona ai danni del Tecnico della Telecom, il quale quindi è da ieri rinchiuso nella stanza fredda dell’ufficio.  Lo abbiamo anche torturato  psicologicamente insinuando che la sua azienda opera in regime di monopolio, fino a quando lui ci ha detto basta pietà.

Adesso stiamo cercando di chiamare il 187 per la rivendicazione, siamo in attesa di essere collegati con l’interno desiderato.

Imprenditori dentro

In famiglia l’imprenditoria ce l’abbiamo dentro.
Se c’era in giro aria d’affari, noi c’eravamo.
E’ la fortuna quella che ci è sempre mancata.
Il nonno cominciò con i cincillà: simpatici animaletti da pelliccia
(praticamente topi a pelo lungo), facili da allevare e che si
riproducono più velocemente dei conigli. Per i primi tempi andò tutto
bene ma un giorno passò per le vie del paese la banda d’Affori con i
suoi 550 pifferi e, com’è come non è, il nonno vide i suoi cincillà
sparire in fila ordinata dietro i pifferai.
Il Babbo qualche anno dopo provò con i lombrichi: tu gli dai da
mangiare qualunque scarto e loro lo trasformano nel miglior concime che
esista sulla faccia della terra. Bene, il fatto è che noi abitiamo a
Milano e appena arrivata la primavera e portati i lombrichi all’aria
aperta, tutti i piccioni di piazza duomo con un passaparola velocissimo
si sono ritovati sulla nostra terrazza e hanno dato vita al più grande
pic-nic per pennutti che Milano ricordi. C’è rimasto il concime, ma a
Milano non ci sono più campi e il babbo non è mai riuscito a venderne
nemmeno un sacchettino.
Io ho puntatato tutto sui brevetti e mente cercavo la giusta idea ho
avuto la folgorazione: ho scoperto che nessuno aveva mai brevettato il
buco. Il buco, la più grande invenzione della storia. Qualcuno mi dirà
che la più grande invenzione della storia è la ruota: bè, niente di più
sbagliato:
pensate solo al fatto che per renderne operativa una di ruota vi servono almeno quattro buchi (per i bulloni).
Comunque, l’iter per la registrazione del brevetto stava andando bene
fino a che la cosa non è arrivata sui banchi del parlamento europeo. Da
diciasette mesi i solerti funzionari di Strasburgo stanno discutendo
sulle dimensioni standard del buco euopeo e fino a quando non
delibereranno il mio brevetto non sarà operativo.
Nel frattempo ogni giorno in qualunque settore si usano i buchi (oggi
in una casa in costruzione ne ho contati centoquindici in cui verranno
alloggiate le finestre) e io non potrò farmi riconoscere queste
royalties.

La linea internet

Il piccoloimprenditore son due mesi che è senza Internet in ufficio.  Il provider
gli ha detto che l’ordine è stato inoltrato al territorio un mese e
mezzo fa, e che la colpa è di Telecom che non si decide a mettere
questa nuova linea. Perciò abbiamo dovuto attrezzarci diversamente:

 Pigeon Packet Transfer Protocol
Pigeon Packet Transfer Protocol

Dopo un mesetto di telefonate al call center forse ce l’abbiamo fatta: giovedi ci portano la linea. Avanzano i piccioni.

Sincronia

415. Sono i contatti di Outlook. Decisamente troppi, accumulati in anni di lavoro.
Quelli che sento regolarmente saranno una cinquantina, il resto sono
sconosciuti che una volta sincronizzati paralizzano il mio cellulare,
stipati come sono.

Già, perchè ovviamente l’informazione del piccoloimprenditore è in
tempo reale, simultanea, sincronizzata, i contatti di Outlook si
sincronizzano con quelli del cellulare, quelli del cellulare con quelli
del palmare, quelli del palmare con quelli del crm, quelli del crm…

Ignoro il termine della catena di sincronizzazioni. So solo che sabato ho cancellato il contatto del mio ex padrone di casa e sono due giorni che non lo vedo più.

Benvenuti!

Questo è il sito de il piccoloimprenditore. Egli vi renderà edotti delle sue meravigliose piccole imprese.

Scoprirete presto come diventare ricchi e famosi. Legalmente, perlopiù.