3 pensieri su “Definizioni”

  1. Ma se ci si pensa, in quelle bancarelle ci sono prodotti provenienti da mezzo mondo (o meglio, dall’altra metà del mondo).Un’infinità di prodotti made in Cina su licenza Giapponese con materie prime importate da Australia e Africa da joint ventures franco-taiwanesi (ma con holdings in Lussemburgo), commercializzati da trading companies di Hong Kong e spedite in Europa, passando da Rotterdaam, da spedizionieri Pakistani.Sinceramente credo che le "bancarelle infinite" siano l’apoteosi del mercato globale. Un infinito campionario di prodotti del mercato globale buttati alla rinfusa sui banchi e venduti a "soli x.99 euri" a consumatori occidentali annoiati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *